Scorciatoie

    La Turbie e il suo incredibile trofeo

    Da lontano, è difficile non notare le imponenti rovine di pietra calcarea bianco crema che si innalzano da La Turbie . Se non conosci la città, La Turbie è il piccolo villaggio locale arroccato sulla montagna che sovrasta Monaco, lungo la Grande Corniche. A differenza della vicina cittadina di Eze, è un po' cruento e offre poche emozioni ai turisti. Ma non è sempre stato così...

    La Turbie & its Incredible Trophy - la turbie france trophy augustus21
    come appariva il trofeo

    Entro il 14 a.C., romano L'imperatore Augusto' forze avevano affermato il loro potere e conquistato tutti i molti Ligure tribù in una serie di aspre scaramucce. Il Senato Romano votò per celebrarlo costruendo il monumento alla vittoria che divenne uno dei più grandi manufatti del mondo romano: il Tropea Augusti (Trofeo di Augusto).

    Questo monumento-trofeo fu costruito nel centro di un villaggio che sarebbe stato ribattezzato La Turbie (nome derivato da Tropaea, che significa "trofeo"). Il monumento fu completato in meno di un anno. Al momento della costruzione del Trofeo non c'erano case o muri attorno al Trofeo ad ostacolare il difficile compito di trasportare la pietra calcarea fino al sito dalla cava romana a soli 800 metri di distanza, ma viene ancora da chiedersi come siano riusciti a realizzare un simile risultato. compito.

    Il monumento trionfale aveva una base quadrata, ciascun lato largo oltre 130 piedi. Situato in un recinto murato, il monumento era una magnifica torre alta circa 160 piedi, rivestita di bianco abbagliante Marmo di Carrara, sormontato da una statua eroica di Augusto. Ventiquattro colonne doriche portavano statue di la Famiglia Imperiale, e sulla parete ovest del podio rettangolare, i nomi dei quarantacinque tribù conquistate che popolarono le Alpi sono incisi su una targa con figure di "barbari" schiavi su entrambi i lati, come se li sfidassero a fare un altro tentativo di resistere all'occupazione romana.

    Ancora oggi non è difficile immaginare la paura che ciò suscitò.

    La Turbie & its Incredible Trophy - la turbie france trophy augustus31
    l'elenco delle tribù che Augusto sconfisse per rivendicare la Turbie come sua

    Il suo impatto non fu immediatamente efficace. La resistenza di quelle tribù fu una conseguenza della prepotenza del dominio romano per oltre cento anni. Anche così, la marea romana scorreva inesorabilmente. Roma era una forza irresistibile e il Trofeo ne era il simbolo.

    Il fatto che il Trofeo di Augusto a La Turbie sopravvisse a lungo al crollo dell'impero di cui simboleggiava il successo fu una testimonianza dell'integrità della costruzione romana e dell'abilità della sua maestria. Come il Anni oscuri ha lasciato il posto a Medioevo, ha visto altri usi. In Tempi saraceni era un forte, dentro il Rinascimento un castello e una torre di guardia.

    È sopravvissuto fino a quando l'illuminazione e l'arrivo della civiltà moderna quando, su iniziativa del Principe di Monaco, nel 1705 maresciallo Louis d'Aubusson de La Feuillade fatto esplodere con la polvere da sparo. Le pietre furono poi utilizzate per costruire case a La Turbie e nel XVIII secolo chiesa San Michele.

    Successivamente, quando le truppe francesi invasero la Contea di Nice, il Tropaeum Alpium venne ulteriormente smantellato per ordine di Luigi XIV, così come altri castelli e fortezze della regione (Nice, Èze, Sainte-Agnès), per cancellare i segni dell'occupazione romana. Napoleone III lo visitò e ordinò che eventuali frammenti rimanenti recanti iscrizioni fossero rimossi ed esposti nella Museo di St Germain-en-Laye.

    La Turbie & its Incredible Trophy - la turbie france trophy augustus42
    un'antica cartolina

    La Riviera – all'inizio, come disse James Pope-Hennessy, “un corridoio piuttosto scomodo verso l'Italia” – era così ricca di resti romani che nel XVIII secolo divenne gradualmente oggetto di interesse a pieno titolo. Quando apparvero i primi viaggiatori moderni all'indomani del Guerra dei sette anni nel 1763, hanno visto poco più che le fondamenta del Trofeo. Erano però affascinati da questo emblema in rovina della Roma imperiale, perché vedevano il loro paese come il successore di Roma.

    Molti dei primi visitatori moderni vennero a La Turbie, poi si meravigliarono di Cimiez e Frejus agli acquedotti, agli anfiteatri, ai templi e alle terme fatiscenti. Erano affascinati da questi segni di grande civiltà e dal suo destino.

    Nel 1873, CB Nero ha cantato le lodi della vista da La Turbie nella sua guida alla costa – una prospettiva che difficilmente è cambiata da quando Augusto venne a ispezionare il grande simbolo della sua impresa all'incirca al tempo della nascita di Cristo: “Tutta la costa si estende davanti a noi… fino alle colline sopra San Remo, promontorio dopo promontorio che si perde nell’acqua azzurra, bianchi paesini annidati in fondo a baie assolate o abbarbicati sui bruni pendii, ville che fanno capolino tra gli scuri oliveti , vele scintillanti contro il mare purpureo”.

    Nel 1865 il trofeo fu classificato monumento storico. Nel 1929 fu parzialmente restaurato grazie al finanziere e filantropo americano Edoardo Tuck. Ha donato i fondi che hanno permesso loro di abbattere 32 case per recuperare le pietre del monumento. Recuperarono 3.000 frammenti e ricostruirono il monumento quanto più fu possibile, partendo da quei frammenti. Molte pietre del monumento rimangono ancora nel centro storico e nella chiesa.

    Accanto al Trofeo è stato costruito il Museo Edward Tuck, che comprende frammenti, calchi in gesso, vecchie fotografie che documentano il monumento e la sua ricostruzione. Include anche un modello in scala 1:20 del Trofeo ricostruito. Un altro modello in scala 1:20 si trova in Sala IX del Museo della Civiltà RomanaA Roma.

    La Turbie & its Incredible Trophy - la turbie france trophy augustus1
    come appare il trofeo oggi, con Monaco in lontananza

    Oggi è la principale attrazione turistica di La Turbie e sia il piccolo museo che i resti in pietra del monumento possono essere visitati (guarda questo informazioni sui visitatori). Dal punto più alto del monumento si può vedere tutta la Costa Azzurra, da Esterel fino alle coste italiane.

    La Turbie & its Incredible Trophy - la turbie trophy travel guide
    Hostellerie Jérôme e il trofeo

    Anche La Turbie ha un ristorante due stelle Michelin situato nel L'Hostellerie Jérôme. La locanda unisce il carattere delle antiche pietre (provenienti da un refettorio cistercense del XIII sec.), l'arredamento in abete rosso in stile italiano nella zona ristorante (con una volta dipinta in stile pompeiano) e la rivisitazione della cucina del sud della Francia basata su prodotti straordinari (pesce locale, verdure dai coltivatori locali). Vanta anche una cantina con 30.000 bottiglie. Al piano superiore ci sono tre camere di lusso con mobili riciclati, docce italiane e (ovviamente) un'eccellente colazione.

    La Turbie & its Incredible Trophy - la turbie france trophy augustus restaurant1
    Hostellerie Jérôme

    Vale la pena dedicare un'ora a visitare La Turbie, vedere i resti e passeggiare per le strette viuzze della città vecchia (che non è accessibile in auto, quindi dovrai parcheggiare nel parcheggio del centro città ed entrare la zona vecchia). Detto questo, se non sei interessato al monumento, sarebbe meglio spendere il tuo tempo altrove dato che La Turbie è una città altrimenti poco interessante e mal mantenuta.

    Il contenuto è protetto legalmente.

    Hai un consiglio? Invia un'e-mail a [email protected]

    RicercaArchivio
    X
    ar العربيةzh-CN 简体中文nl Nederlandsen Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêsru Русскийes Español