Scorciatoie

    La famosa "regina dei ladri" della Costa Azzurra

    Poco più di un secolo fa, una delle più grandi celebrità del mondo era un'affascinante e bellissima ladra che prendeva di mira i ricchi della Costa Azzurra. Il suo arresto ha creato scalpore in tutto il mondo.

    La famosa "regina dei ladri" della riviera francese - storia dei ladri della riviera francese2
    La contessa de Monteil, nata Amélie Condemine, in una foto non datata pubblicata poco dopo il suo arresto nel 1908.

    Per un ladro di gioielli e truffatore, l'atmosfera della Costa Azzurra dell'epoca sarebbe stata irresistibile, piena di marchi facoltosi attratti dalla popolarità della zona presso i reali e la vicina Casinò di Montecarlo.

    La contessa era una maestra del travestimento e dell'inganno e spesso cambiava aspetto e identità per evitare di essere scoperta. Partecipava spesso a feste ed eventi sontuosi in Costa Azzurra, dove si mescolava e si mescolava con i ricchi e famosi. Una volta guadagnata la fiducia delle sue vittime, rubava i loro oggetti di valore, inclusi gioielli, contanti e altri oggetti di valore, spesso senza che loro se ne rendessero conto finché non era troppo tardi.

    Secondo quanto riferito, controllava un gruppo di ladri che assumevano identità altrettanto grandiose, fingendosi un diplomatico italiano o il figlio di un ricco armatore. Mentre soggiornava in un hotel o viaggiava su un piroscafo, osservava i compagni di viaggio e calcolava il loro valore come obiettivi: un taccuino che dettagliava le sue valutazioni è stato scoperto durante una perquisizione del suo appartamento di Parigi dopo il suo arresto.

    La contessa era ampiamente ammirata e rispettata da coloro che la conoscevano. Era conosciuta per la sua bellezza, intelligenza e arguzia, e molte persone erano attratte dalla sua personalità carismatica.

    Per due decenni, la contessa de Monteil aveva preso di mira persone facoltose della Costa Azzurra, rubando gioielli, denaro e altri oggetti di valore come dipinti e oggetti d'antiquariato.

    Ciò che rende le sue imprese estremamente impressionanti è che, all'epoca, la nobiltà francese era una società molto chiusa. La pseudo-contessa ha rischiato di tradirsi solo per non saper pronunciare correttamente un determinato nome.

    Nel 1892, la contessa de Monteil era giunta all'attenzione della polizia francese a causa di 4 anni di furti stranamente casuali negli hotel in cui era ospite. Nonostante ciò, questa elegante truffatrice ha continuato a operare nel Mediterraneo per altri 16 anni prima del suo arresto.

    Nelle prime ore del mattino, irrompeva nella camera d'albergo del suo bersaglio, intascava i loro oggetti di valore e poi sgusciava fuori di nuovo, del tutto inosservata. Al processo, nessuno dei gioielli in suo possesso è stato identificato come rubato, suggerendo che lei e la sua rete di ladri lavorassero con gioiellieri clandestini che avrebbero acquistato i beni rubati o collocato le gemme in nuove montature irriconoscibili ai loro proprietari.

    Una delle rapine più famose della contessa ebbe luogo durante una festa a Monaco, dove riuscì a rubare una collana del valore di oltre un milione di dollari. Ha anche rubato una grossa somma di denaro da un ricco uomo d'affari in un casinò di Nice e un dipinto di grande valore da un collezionista di Cannes.

    I giornali hanno enfatizzato il suo coraggio e la sua audacia, come quando ha derubato tre volte lo stesso banchiere svizzero. La terza volta, si è svegliato e ha lanciato l'allarme, ma lei è tornata di corsa nella sua stanza, dove ha fatto finta di dormire e non è mai stata sospettata.

    In un'altra occasione un albergo ha accusato lei e un complice di furto; la coppia ha combattuto l'accusa in tribunale e ha vinto una causa per diffamazione contro l'hotel. Sebbene fosse una criminale che truffava i ricchi, era anche ritratta come una donna del popolo. Le Petit Parisien notò che la sua cameriera la amava e la rispettava, e che era una generosa mancia.

    La famosa "regina dei ladri" della Costa Azzurra - storia dei ladri della riviera francese22
    L'Hôtel Impérial di Nice, luogo dell'arresto della contessa di Monteil. L'edificio è ora una scuola superiore.

    Dopo anni di inseguimenti, la polizia francese stava per catturare sul fatto la cosiddetta contessa di Monteil. Nelle prime ore dell'alba dell'8 marzo 1908, la famosa Promenade des Anglais di Nice, animata durante il giorno, era tranquilla. Lo stesso vale per i corridoi Hôtel Impérial di Nice. Lungo un lussuoso corridoio, una donna vestita di nero si muoveva silenziosamente con scarpe con la suola di feltro, dissolvendosi nell'ombra. Indossava un velo nero che le copriva i lineamenti e portava una serie di grimaldelli d'argento. Ma questa volta è stata seguita dalla polizia, che l'ha catturata durante la sua fuga e l'ha arrestata sulle rive della Baia degli Angeli.

    La cattura della contessa de Monteil è stata un'immediata sensazione mediatica, che ha fatto notizia a livello internazionale. I rapporti hanno enfatizzato la sua bellezza e astuzia, chiamandola "The Hotel Mouse" e "Queen of Thieves". Un'esauriente copertura mondiale ha dettagliato i suoi sontuosi abiti da sera in pizzo e i costosi bagagli dell'armadio.

    Dopo il suo arresto, la contessa è diventata una specie di eroe popolare nei media. La disparità di reddito nella Francia di inizio secolo potrebbe aver colorato la sua immagine. "Sembra che ogni volta che la società è in uno stato di crisi economica e di flusso, il ladro diventa improvvisamente questo personaggio cattivo iconico e affascinante", afferma la storica Eloise Moss. "Penso che agisca come un commento politico davvero importante, un'insoddisfazione per la disuguaglianza economica e anche un modo per immaginare te stesso in uno stile di vita diverso, più illecito e avventuroso".

    La storia della contessa de Monteil si è diffusa attraverso le notizie come un ammonimento sui pericoli di fidarsi degli estranei, specialmente quelli che sembrano essere affascinanti e carismatici. Era una storia salace che metteva in luce l'avidità e l'eccesso della ricca élite della Costa Azzurra in quel momento. È stato scioccante che fossero disposti ad abbassare la guardia di fronte a un ladro così abile e astuto.

    Il glamour della Costa Azzurra era ben lontano da dove è cresciuta la futura regina dei ladri, nata Amélie Condemine. Suo padre era un macellaio nella cittadina rurale di Mâcon, nella regione Saône-et-Loire della Francia centrale, nota soprattutto per i suoi vigneti. All'età di 18 anni sposò Ulysses Portal, un commerciante di vini di 14 anni più anziano di lei, e la coppia si trasferì a Parigi.

    Poco si sa di questo periodo della sua vita, ma la stampa ha riferito che, dopo dieci anni di matrimonio, la coppia si è separata e lei si è trasferita negli Stati Uniti. Gli unici indizi sulle sue attività sono le fotografie che la polizia ha successivamente trovato tra le sue cose, che la mostravano in compagnia dell'élite di New York - e persino in volo su una mongolfiera - secondo le notizie.

    Nel 1888, tornò in Francia, chiamandosi la contessa de Monteil, e iniziò la sua follia criminale durata due decenni. Tuttavia, alla fine la sua fortuna si è esaurita ed è stata arrestata e condannata a 10 anni di lavori forzati per i suoi crimini. Ha presentato ricorso contro la decisione, ma la sua richiesta è stata respinta.

    La pseudo-contessa non ha mai confessato i suoi crimini, insistendo durante il processo che i suoi gioielli e denaro erano doni di un nobile spagnolo e di un pascià egiziano, tra gli altri.

    Dopo essere stata condannata e condannata, è scivolata fuori dalla coscienza pubblica ed è tornata nell'ombra. Sebbene i documenti confermino che fu rilasciata dalla prigione nel 1918, il suo destino è sconosciuto...

    Il contenuto è legalmente protetto.

    Hai un consiglio? Invia un'e-mail a [email protected]

    RicercaArchivio
    X
    ar العربيةzh-CN 简体中文nl Nederlandsen Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêsru Русскийes Español