Tasti di scelta rapida

    Storie folli dietro ville famose

    Un vero paradiso, la Costa Azzurra è ampiamente rinomata come una delle destinazioni più lussuose della Terra. Per decenni l'élite mondiale è scesa sulla Costa Azzurra, traendo ispirazione dalle sue affascinanti vedute mediterranee tanto quanto dai reali, diplomatici, attori, artisti e imprenditori che vi si incontrano.

    Storie folli dietro ville famose - cap ferrat yachts 1
    Ville a Cap Ferrat

    Il sud della Francia è da più di un secolo una porta girevole dei super ricchi. Man mano che le loro fortune aumentavano, industriali, principi e banchieri costruirono palazzi lungo il Mediterraneo e mentre cadevano in tempi difficili: prima l'aristocrazia russa, poi gli americani dopo il crollo del mercato azionario del 1929, poi gran parte dell'alta borghesia europea dopo la seconda guerra mondiale - li hanno venduti al prossimo raccolto mondiale di nuovi ricchi.

    Di seguito troverai una serie di brevi teaser sulle ville della Costa Azzurra a cui sono allegate le storie più incredibili o folli. Ciascuno si collega a un altro articolo con la storia completa e altre foto.

    I Rolling Stones e Villa Nellcôte a Villefranche sur Mer

    Storie folli dietro ville famose - Rolling Stones famosa villa riviera francese3 1

    Costruita nel 1899, questa villa è passata alla storia come tempio del rock'n'roll. La villa ha una storia affascinante, inclusa una piccola parte nella Seconda Guerra Mondiale. Nel 1971, Villa Nellcôte era la residenza temporanea dei membri della band dei Rolling Stones, affittata dal chitarrista Keith Richards. Al piano di sopra, un bellissimo entourage socializzava, spesso illecitamente. Nel seminterrato dalle molte stanze di Nellcôte, i Rolling Stones registrarono il materiale per quello che divenne il loro album più leggendario.

    Ecco la storia completa della dissolutezza che seguì mentre i Rolling Stones registravano nella villa, e che ora possiede la famosa villa.

    Le Ville di Re Leopoldo

    Crazy Stories Behind Famous Villas - famous villas french riviera leopold celebrities 1

    Il re Leopoldo II era ossessionato dalla Costa Azzurra. Dopo alcuni anni di acquisti segreti, il re del Belgio si ritrovò proprietario di tutta la parte ovest del Cap Ferrat – più di 50 ettari – chiudendo il terreno al pubblico con filo spinato.

    Acquistò molte proprietà lungo la Costa Azzurra, tra cui Villa Radiana, Villa Ibéria che si trova accanto a Les Cèdres e Villa Léopolda, che acquistò come regalo per la sua amante adolescente (prostituta). Il suo vistoso consumo la rese famosa in tutto il mondo e si sposarono quando lui aveva 74 anni. Lei ereditò una grande ricchezza quando lui morì solo 5 giorni dopo.

    Ecco il completo, storia folle sulle ville, su Leopold e sull'amante prostituta adolescente a cui le regalò.

    Le Polda a Villefranche-sur-Mer

    Crazy Stories Behind Famous Villas - famour villas riviera leopolda 1

    Un tempo di proprietà del re Leopoldo II del Belgio, questa villa fu poi di proprietà di Lily Safra, una donna sospettata di aver ucciso due dei suoi quattro estremamente mariti facoltosi, che organizzavano sontuose feste nella villa. L'editore John Fairchild scrisse in seguito di una delle feste di Safra nel suo libroSelvaggi chice descrisse l'occasione come "il massimo del consumo vistoso". Il presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan, Frank Sinatra, il principe Carlo e il principe Ranieri III hanno visitato i Safra nella villa.

    La storia di Lily ed Edmond Safra è quasi troppo folle per crederci. Ecco tutta la folle storia della Leopolda, delle feste sontuose, dell'omicidio in un attico di Monaco e di uno scandalo mortale.

    Les Cèdres a Cap Ferrat

    Crazy Stories Behind Famous Villas - villa les cedres famous villas french riviera 1

    Re Leopoldo II stabilì la sua amante a Les Cèdres: una prigione dorata con vista panoramica sul mare persa in mezzo ad una vegetazione lussureggiante. Blanche trascorreva le sue giornate a Les Cèdres da sola, aspettando il suo amante reale che le proibiva di uscire o di ricevere altri visitatori.

    La villa passò poi di proprietà di un altro re, la società Grand Marnier, e poi venduta a un oligarca criminale ucraino mentre era indagato per omicidio, per 200 milioni di euro (era stata sul mercato per 1 miliardo di euro).

    Ecco la storia completa di Les Cèdres e dei suoi criminali proprietari.

    Villa Le Roc Fleuri di Sean Connery a Nice

    Storie folli dietro ville famose - Villa di Sean Connery in Francia min 1

    Questa villa è stata per lungo tempo la residenza dell'attore Sean Connery in Costa Azzurra. Questa villa Belle Epoque a sei piani (risalente al 1928) è situata in un ambiente splendido con vista sulla città di Nice e sul mare. Connery acquistò la villa, conosciuta come Le Roc Fleuri, nel 1970 e vi visse per "una dozzina di anni circa". I vicini la chiamano ancora “la casa di Sean Connery”.

    Connery è stato il primo attore a interpretare James Bond e questa villa ha avuto un ruolo nel ruolo finale dell'attore nei panni di James Bond, nel 1983Mai dire mai ancora, girato in tutta la zona di Nice e nelle vicine Villefranche e Monaco, persino nella villa stessa.

    Check-out il nostro post sulla famosa villa di Sean Connery per maggiori dettagli, video e molte altre foto.

    Villa Les Rose di Bono a Èze

    Storie folli dietro ville famose - bono french villa eze u2 1
    La villa sul mare di Bono a Èze, in Francia

    Bono, il cantante degli U2, ha acquisito congiuntamente la proprietà di lusso a Èze con il chitarrista solista della band nel lontano 1993. Il costo dichiarato all'epoca era di soli 3,8 milioni di euro, poiché necessitava di molti lavori di ristrutturazione. Oggi varrebbe circa 20 milioni di euro. La lussuosa villa rosa di quattro piani sul mare si chiama Villa Les Rose, ed è stata la location del video della canzone degli U2 Electrical Storm.

    Bono è anche vicino di casa con Adam Clayton (il bassista degli U2) e Larry Mullen Jr. (il batterista degli U2). Lo raggiungono alla villa per esercitarsi nel suo studio di registrazione e per riposarsi e provare tra un concerto e l'altro. Secondo quanto riferito, i fan stavano registrando e facendo trapelare alcune delle loro tracce inedite quando diventavano un po' troppo rumorose.

    Dai un'occhiata al nostro guida alla vita e alla villa di Bono dentro e intorno a Èze.

    Villa Ephrussi de Rothschild a Cap Ferrat

    Storie folli dietro ville famose - Villa Ephrussi de Rothschild cap ferrat

    L'ereditiera bancaria Beatrice Rothschild fece costruire questa villa nel 1905, per celebrare il suo divorzio dall'ex marito bugiardo, truffatore e giocatore d'azzardo (Maurice Ephrussi) e per ospitare la sua collezione d'arte in continua crescita. Ne è diventata un centro per l'arte di tutti i tipi: feste letterarie, musica, incontri di collezionisti d'arte e conversazioni avvincenti.

    Decorato con i tesori delle collezioni della baronessa, è oggi aperto a visite ed eventi. Sono esposte più di 5000 opere d'arte, insieme ad un'impressionante collezione di mobili, lampade e tappeti. La villa è famosa soprattutto per i suoi nove giardini a tema.

    Con una mossa profondamente sessista, la villa fu ribattezzata dal nome scelto da Béatrice, 'Ile de France', a 'Villa Ephrussi de Rothschild', dall'associazione francese a cui lei donò la villa alla sua morte. Il nome dell'orribile ex marito di Beatrice fu aggiunto prima del suo, intrecciando per sempre la loro storia agli occhi del pubblico e attribuendogli ingiustamente il merito di una villa con cui non aveva nulla a che fare - anzi, non ci aveva mai messo piede!

    Check-out la nostra guida alla villa, la straordinaria vita di Beatrice, e come visitarla.

    E-1027 e Le Corbusier a Cap Martin

    Storie folli dietro ville famose - cap moderne e1027 corbusier cabanon 1

    E-1027 è il tipo di casa che ormai potremmo aver già visto prima, ma che nessuno tranne Eileen Gray avrebbe potuto sognare nel 1926. Senza alcun indizio che stesse creando un capolavoro anni in anticipo sui tempi: Gray ha supervisionato ogni dettaglio di costruzione della casa.

    Entra Le Corbusier, che spesso faceva visita a Eileen Gray e al suo compagno nel suo idilliaco mare. Che fosse o meno minacciato dal suo talento, la maggior parte degli studiosi concorda sul fatto che fosse ossessionato da Gray e dal suo trionfante E-1027. Tanto che nel 1938, dopo che la bisessuale Gray si separò dal suo compagno e tornò ad amare le donne, Le Corbusier, con il consenso del suo ex compagno, si incaricò di dipingere – secondo alcuni contaminare – le pareti interne con otto sgargianti murales. raffigurante immagini lesbiche cariche. Per aggiungere la beffa al danno, si è scattato delle foto mentre lo faceva, indossando solo i suoi caratteristici occhiali.

    Quando venne a conoscenza di questo sfacciato atto di mancanza di rispetto, Gray rimase inorridita e giurò di non tornare mai più. Su E-1027, il dramma si trasformò in tragedia. Durante la seconda guerra mondiale, i soldati nazisti saccheggiarono la casa e la usarono per il tiro al bersaglio. Nel 1996, il suo proprietario, dipendente dalla morfina, fu assassinato lì. La villa fu abbandonata e data per morta, martoriata dal degrado, appropriata da abusivi, tossici e vagabondi. Fino a…

    Leggi l'intera, folle storia della relazione tra Le Corbusier ed Eileen Gray... e cosa è successo alla proprietà da allora.

    Ville di Picasso

    Storie pazze dietro ville famose - viaggio nella famosa villa di mougins picasso 1

    Pablo Picasso acquistò Villa La Californie a Cannes nel 1955 e vi visse con la sua ultima moglie fino al 1961, quando la abbandonarono perché fu costruito un altro edificio che gli impediva la vista sul mare. È qui che l'artista spagnolo ha creato il suo capolavoro "La baia di Cannes". Dopo Villa La Californie, Pablo Picasso e sua moglie acquistarono un'altra villa, questa volta a Mougins, dove Picasso visse per 12 anni, fino alla sua morte nel 1973 all'età di 91 anni.

    Ecco il racconto completo (e le foto) delle ville di Picasso, il tempo in riviera, e la leggenda – e il pasticcio – che si è lasciato alle spalle.

    Santo Sospir a Cap Ferrat

    Crazy Stories Behind Famous Villas - villa santo sospir cap ferrat

    L'ereditiera mondana Francine Weisweiller era una delle donne più belle, ricche ed eleganti di Parigi. La villa haute-bohémien Santo Sospir fu costruita poco dopo la guerra e fu acquistata dal marito di Francine, Alex, nel 1946, come premio per essere sopravvissuto alla guerra. Alex trascorreva la maggior parte del tempo a Parigi vivendo con la sua amante, quindi Francine viveva nella villa da sola e passava il tempo organizzando feste vivaci piene di celebrità e reali.

    I suoi amici e amanti, Jean Cocteau e il suo giovane fidanzato, arrivarono per pochi giorni e finirono per rimanervi di tanto in tanto per dodici anni mentre lui completava altre commissioni, tra cui la Cappella di St. Pierre. Cocteau ha disegnato l'anello Cartier con tre colori d'oro come simbolo del loro trio. Insieme divennero dipendenti dall'oppio e Cocteau finì per tatuare quasi tutte le pareti della villa.

    Qui è la storia completa di villa Santo Sospir e gli eventi folli che sono accaduti lì.

    Il Grande Jardin sull'Ile St Marguerite

    Crazy Stories Behind Famous Villas - ville famose riviera francese2 2

    Le Grande Jardin è l'unica residenza privata delle Isole Lerins. Nel 2008, è stata acquistata (tramite un prestito bancario sul quale non è riuscito a pagare) dal magnate indiano degli affari noto come il "Re dei bei tempi". Da allora, è diventato un latitante ed è oggetto di un tentativo di estradizione da parte del governo indiano per rimpatriarlo dal Regno Unito per affrontare le accuse di crimini finanziari in India. Ora è di proprietà di un gruppo alberghiero che lo sta rinnovando e trasformandolo in un hotel di lusso e in uno spazio per eventi.

    Ecco la storia completa di questa fantastica proprietà e il truffatore che l'ha comprato.

    La Fleur Du Cap / Luogo David Niven a Cap Ferrat

    Crazy Stories Behind Famous Villas - ville famose riviera francese 2

    Un magnifico pezzo di architettura in una vibrante tonalità di rosa confetto, La Fleur Du Cap fu costruito nel 1880 dal figlio di un trafficante d'armi. Questa villa ha avuto molti occupanti famosi, tra cui il re Leopoldo III del Belgio e il suo successore e nipote di Leopoldo II. Fu poi acquistato da David Niven, il famoso attore. Almeno dal 1999, è stata la residenza dei genitori di miliardari nati in Nuova Zelanda che hanno acquistato la casa per la loro madre, come regalo in una commovente storia da favola.

    Ecco tutta la storia di questa villa, le parti che ha visto e le persone che l'hanno posseduto.

    Castello di Napoule nell'Esterel

    Storie pazze dietro ville famose - l'esterel guida di viaggio mandalieu napoule 1

    Il castello della Napoule fu costruito nel XIV secolo dalla contessa di Villeneuve. Nel corso dei secoli fu più volte ricostruito. Nel 19° secolo fu trasformato in una vetreria. Nel 1918 fu acquistato dal finanziatore fiduciario americano Henry Clews Jr., che lo rinnovò nel suo stile unico.

    I Clews lasciavano raramente il mondo fiabesco che avevano creato in questo castello. Henry ha disegnato costumi d'epoca medievali, non solo per sé e per la moglie Marie, ma anche per le cameriere e il maggiordomo senegalese, che indossavano tutti i giorni. Hanno riempito il castello e il giardino di pavoni, fenicotteri e altri uccelli esotici e hanno ospitato feste elaborate per la società europea e gli espatriati americani. Amavano organizzare cene drammatiche ed elaborate che, agli sconcertati ospiti, sembravano uscite direttamente da un film di Hollywood.

    Ecco la storia completa e decadente.

    La Mauresque a Cap Ferrat

    Storie folli dietro ville famose - famosa villa riviera francese 1

    Intorno al 1900, Félix Charmettant, ex missionario e cappellano del re Leopoldo II di Belgio, acquistò un terreno a Cap Ferrat e fece costruire questa villa. Nel 1927, il romanziere britannico Somerset Maugham (che notoriamente definì la Costa Azzurra un "luogo soleggiato per gente ombrosa" - un'osservazione preveggente, data la storia recente della villa) acquistò la proprietà. Era l'autore più ricco del suo tempo.

    Circondata da giardini e terrazze, questa villa ha ricevuto una lunga lista di scrittori e celebrità. Un invito alla villa di Somerset Maughaum sul Cap era considerato un bel colpo dall'alta società della Riviera, e un flusso costante di luminari veniva in visita. Le sue imprese in questa villa sono impresse nella storia.

    Da allora, Dmytro Firtash, un oligarca ucraino con stretti legami con Vladamir Putin, ha acquistato la villa.

    Ecco il pienol, incredibile storia di questa villa e i suoi unici proprietari.

    Bubble Palace di Pierre Cardin a Théoule-sur-Mer

    Crazy Stories Behind Famous Villas - le ville più famose della riviera francese 1

    Meno una storia folle e più una proprietà folle, il Palais Bulles ("Bubble Palace") era di proprietà di Pierre Cardin, lo stilista francese di origine italiana. Divenne il secondo proprietario della casa dopo che il primo morì durante la costruzione. Nel corso degli anni, Bubble Palace ha ospitato numerose feste ed eventi eleganti; MTV ha ospitato la festa di compleanno di James Bond, Dior ha tenuto una sfilata di moda e Assouline ha pubblicato un libro pieno di bellissime immagini della villa e della tenuta.

    Ecco altre foto e dettagli su questo pazzo palazzo.

    Villa Les Camélias a Cap d'Ail

    Storie folli dietro ville famose - ville famose riviera francese 1

    Non più residenza privata, questa villa è oggi un museo che offre al pubblico l'opportunità di esplorare gli archivi di Cap d'Ail, dall'incorporazione della città nel 1908 e durante tutto il XX secolo.thsecolo.

    L'affascinante livello del giardino di Les Camélias è interamente dedicato alla storia di Cap d'Ail. Foto e altri reperti ricordano la vita delle persone che vivevano a Cap d'Ail: la maggior parte della gente del posto erano emigrati italiani, ma qui svernavano anche la nobiltà internazionale, seguita da molte celebrità del mondo dell'arte, della politica e della letteratura.

    Il Museo ci racconta degli “hôtels de passe” (bordelli per soggiorni di breve durata) della città. Al noto “Loup Blanc” i servizi sessuali venivano pagati utilizzando gettoni con la scritta “bon pour le paradis”, che significa “biglietto per il paradiso”.

    Il contenuto è legalmente protetto.

    Hai un consiglio? Invia un'e-mail a [email protected]

    RicercaArchivio
    X
    ar العربيةzh-CN 简体中文nl Nederlandsen Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêsru Русскийes Español