Tasti di scelta rapida

    Guida turistica di Saint-Jean-Cap-Ferrat

    Questa penisola sulla Costa Azzurra francese è leggendaria per la sua bellezza selvaggia, le splendide ville e gli eleganti yacht. Dal suo periodo di massimo splendore ad oggi, Cap Ferrat è stato un parco giochi per i reali di Hollywood in cui confrontarsi con reali in buona fede: si può quasi sentire i bicchieri di champagne tintinnare tra le persone benestanti mentre ammiri i suoi cortili pieni di flora e panorami mozzafiato.

    A metà strada tra Villefranche e Beaulieu, è il promontorio più prestigioso della Riviera. Dalla Belle Epoque ai giorni nostri, ha attratto persone da tutto il mondo che vogliono godersi la bella vita. La sua tranquillità e il clima caldo ne fanno una delle mete di vacanza preferite sia dall'aristocrazia europea che dai milionari internazionali.

    Guida di viaggio Saint-Jean-Cap-Ferrat - guida di viaggio saint jean cap ferrat 2

    Saint-Jean-Cap-Ferrat è una comunità esclusiva sulla Costa Azzurra che è stata conosciuta come un luogo di villeggiatura per i benestanti che risale alla fine del 1800. La sua abbondanza di opulente ville storiche di proprietà di milionari e miliardari ha fatto guadagnare al villaggio mediterraneo sul mare il soprannome di "Penisola dei miliardari". Attori, politici, reali e titani della tecnologia, da Winston Churchill al defunto co-fondatore di Microsoft Paul Allen, sono stati in vacanza o hanno posseduto case nella cittadina balneare francese. La gente del posto - e hanno incluso Henri Mattise, David Niven, Oscar Wilde, Charlie Chaplin, Noel Coward, la baronessa Beatrice Ephrussi de Rothschild, le pietre rotolanti, Paul Allen e Andrew Lloyd Webber, solo per citarne alcuni, chiama questo villaggio di pescatori un tempo impoverito semplicemente "Cap Ferrat".

    La penisola è disseminata di case eleganti, molte delle quali hanno alle spalle scandali clamorosi, come la deliziosa Villa Ephrussi de Rothschild , casa per una notevole collezione di opere d'arte. Queste lussuose ville sono immerse in una vegetazione lussureggiante, discretamente protette da occhi indiscreti. Sono alcuni dei ville più costose del mondo interoe spesso includono una spiaggia privata e cancelli chiusi. Altrimenti mascherati dal fogliame, si possono ammirare scorci della riva il sentiero costiero, e dal sentiero per Punta St-Hospice . Oggi, questa esclusiva comunità costiera, nota per il suo porto pieno di yacht e le opulente ville storiche, ospita solo circa 1.600 residenti permanenti.

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Guida di viaggio - cap ferrat yachts 1
    53522915 – veduta aerea di cap ferrat, costa azzurra

    Storia di St Jean Cap Ferrat

    La penisola di Saint-Jean-Cap-Ferrat divenne una delle principali località di villeggiatura verso la fine del XIX secolo. Il suo paesaggio arido e roccioso ospitava originariamente solo una manciata di case di pescatori e contadini raggruppate intorno alla chiesa e al porto. Questa frazione era conosciuta come Saint-Jean e faceva parte del comune di Villefranche-sur-Mer.

    Cap Ferrat è stata una calamita per reali e high rollers da quando Leopoldo II del Belgio acquistò e ampliò Villa Les Cèdres lì nel 1830; la sua sontuosa casa con 14 camere da letto era collegata da un tunnel alla casa della sua amante. (Ecco tutta la pazza storia.) La tenuta di Villa Les Cèdres è il più grande giardino botanico privato del mondo. “È un vero tesoro, lo chiamo il Louvre della botanica” disse Franklin Picard che, nel 1999, pubblicòun libro cult su Les Cèdres.

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Guida turistica - villa les cedres ville famose riviera francese 1
    Villa les Cèdres

    Il Re Leopoldo II sviluppò poi gran parte della parte alta occidentale del Capo, che rimane il tratto più esclusivo, con i suoi tramonti e panorami verso Nice E carina Villefranche-sur-Mer.

    Abbastanza mite da far fiorire banani e palme tra pini marittimi e cipressi, Cap Ferrat fu dominio di pirati e pescatori (molto simile a St Tropez). Furono i detenuti del carcere di Villefranche-sur-Mer a costruire il porto, fulcro di Cap Ferrat, tra il 1840 e il 1876.

    Nel 1876, la Compagnie Générale des Eaux creò un lago artificiale di 6800 m³ all'interno di un rigoglioso parco. Alimentato dal fiume Vésubie, questo lago comprendeva anche un isolotto e una cascata. Quest'acqua è stata la ragione per cui la penisola è stata ricoperta da una vegetazione più fitta e diversificata. Da quel momento in poi, Cap Ferrat è diventato uno dei preferiti dalle famiglie che sarebbero arrivate Nice in carrozza trainata da cavalli per fare pic-nic sotto i pini e gli ulivi, oppure pranzare in uno dei tanti ristoranti sorti vicino al porto.

    Con il fiorire delle dimore belle époque, iniziò così un'età dell'oro che culminò negli anni Venti quando il drammaturgo Somerset Maugham acquistò una casa in stile moresco dal cappellano di Leopold. Ha ospitato chiunque fosse chiunque, da TS Eliot e il Duca e la Duchessa di Windsor a Winston Churchill.

    Nella vicina Villa La Fiorentina – una vasta proprietà ispirata a un palazzo fiorentino con due piscine – Elizabeth Taylor e Richard Burton sono stati fotografati per la copertina di Vogue, Frank Sinatra ha festeggiato con Cary Grant, e c'è stata una “scappatella in bicicletta” che ha coinvolto John F. Kennedy e Grace Kelly.

    Una canzone composta nel 1938 dopo una festa in spiaggia di Noël Coward chiamataSono andato a una festa meravigliosariassumeIl grande Gatsbysensazione di questa epoca: “Assolutamente senza motivo/ Sono qui per la stagione/ E alto come un aquilone/ Vivere nell'errore/ Con Maud a Cap Ferrat/ Il che non potrebbe essere giusto… Comportamento della gente/ Lontano da Belgravia/ Sarebbe farti sbalordire.

    Leggi le folli storie dietro alcune delle ville più famose di Cap Ferrat.

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Guida di viaggio - cap ferrat guida di viaggio francia 1
    Guardando giù a St Jean Cap Ferrat dalle colline dell'entroterra

    Indipendenza

    The County of Nice, which had belonged to the House of Savoy since 1388, was annexed to France in 1860. In 1904, Saint-Jean separated from Villefrance-sur-Mer and became an independent commune. Originally named Saint-Jean-sur-Mer, the commune took the name of Saint-Jean-Cap-Ferrat in 1907.

    Sviluppo del turismo

    Agli inizi del 1900, il turismo invernale iniziò ad essere popolare in Costa Azzurra. È molto clima mite lo rese attraente per le ricche famiglie britanniche o russe che ben presto ne fecero una meta molto acclamata. Saint-Jean-Cap-Ferrat divenne molto popolare e furono costruite le prime grandi tenute.

    Nel 1904, l'Hôtel Bedford (ora Hôtel Royal-Riviera) fu costruito alla base della penisola. La sua posizione geografica lo rese popolare nell'alta società. Progettato per accogliere una ricca clientela cosmopolita, il 1908 vide la costruzione del Grand Hôtel (ora di proprietà della catena alberghiera Four Seasons) sul promontorio di Cap-Ferrat circondato da una vegetazione lussureggiante.

    Famosi visitatori di Cap Ferrat

    Negli anni Cinquanta il turismo iniziò a diventare più estivo e Saint-Jean-Cap-Ferrat divenne una località balneare alla moda frequentata da celebrità di tutto il mondo. I visitatori includevano Edith Piaf, Charlie Chaplin, Elizabeth Taylor e Richard Burton, Jean-Paul Belmondo, Roger Moore, Tony Curtis, David Niven e Romy Schneider, che vi si sposarono nel 1966. Fu anche un rifugio per politici come il Général de Gaulle , Valéry Giscard d'Estaing, Raymond Barre, Winston Churchill, George Bush, Bill Clinton e Boris Eltsine.

    Henri Matisse fece molte visite a Villa Natacha, di proprietà dell'editore d'arte Alec Tériade. Il pittore aveva già realizzato una vetrata e un murale in ceramica per la sala da pranzo della villa. L'editore ha invitato molti degli artisti con cui ha lavorato nella sua villa, in particolare Chagall e Picasso, e persino il suo connazionale Odysséas Elýtis, premio Nobel per la letteratura nel 1979. Jean Cocteau dipinse murales nel Palazzo Comunale e in un'intera villa. Charlotte Salomon, artista ebrea di origini tedesche, soggiornò all'Hôtel Belle Aurore (oggi the Hotel La Villa Cap Ferrat) per due anni, dove dipinge il suo capolavoro “La vita? o Teatro?”.

    Da allora, reali, artisti, politici e ricchi industriali hanno continuato ad innamorarsi del fascino unico di questo luogo dove l'espressione “Per vivere felicemente, vivi nascosto” diventa ancora più significativa.

    Cosa vedere a Saint-Jean-Cap-Ferrat

    È una zona piccola, ma una delle più belle della Costa Azzurra. Ecco le cose da vedere e da fare a Satin-Jean-Cap-Ferrat:

    Guarda cosa ha lasciato Jean Cocteau

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Travel Guide - cocteau santo sospir scaled
    Villa Santo Sospir

    L'artista che ha avuto il maggiore impatto su Saint-Jean-Cap-Ferrat è stato Jean Cocteau. Ospite abituale di la villa 'Santo Sospir' di cui decorò le pareti con affreschi splendidi ma controversi, è anche autore dell'affresco che abbellisce la sala dei matrimoni del Palazzo Comunale , visionabile su richiesta presso la reception del Comune.

    Saint-Jean: una piccola città affascinante

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Travel Guide - videoblocks marina harbor port saint jean cap ferrat

    La località balneare di Saint-Jean si trova sul lato orientale della maestosa penisola boscosa di Cap Ferrat e merita una visita. Con una spiaggia, un porto turistico, negozi e ristoranti, è un ottimo posto per iniziare a scoprire Cap Ferrat. È anche più tranquillo e meno turistico rispetto ad altri posti lungo la Costa Azzurra. Ciò lo rende ideale se ti piace allontanarti dai negozi di souvenir.

    St Jean Cap Ferrat divenne un luogo di villeggiatura all'inizio del XX secolo, con l'arrivo di ricche famiglie straniere, che costruirono vasti possedimenti, come Villa Ephrussi de Rothschild. Un tempo villaggio di pescatori, St-Jean è oggi un'elegante località balneare, molto ambita per la sua tranquillità. Alcune vecchie case si affacciano sul porto, oggi in gran parte dedicato agli yacht. La strada a gradini a sud di boulevard de la Libération nel villaggio offre anche alcuni bei punti panoramici.

    La famosa e sbalorditiva passeggiata di Cap Ferrat

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Guida di viaggio - Spiagge della Costa Azzurra 1
    Una spiaggia che passerai lungo la passeggiata sul mare

    Per apprezzare al meglio la bellezza di Saint Jean Cap Ferrat, si può visitare a piedi prendendo il sentiero costiero. È segnalato per 14 km e diviso in 3 parti: il giro di Cap Ferrat, la pineta e la passeggiata Maurice Rouvier che collega Saint Jean Cap Ferrat aBeaulieu.

    La passeggiata sul mare di Saint-Jean-Cap-Ferrat è senza dubbio la passeggiata sul mare più bella del mondo. Il verde lussureggiante di Cap Ferrat, le rocce bianche e il mare blu del Mediterraneo rendono questa passeggiata davvero memorabile. La passeggiata costiera può essere suddivisa in due sezioni più brevi, oppure puoi fare l'intera passeggiata in una volta, che ti porta intorno all'intero cappuccio.

    Ecco un guida completa alla passeggiata sul mare di Cap Ferrat.

    L'elegante Villa Rothschild

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Guida turistica - Villa Ephrussi de Rothschild cap ferrat 1
    Guida di viaggio Saint-Jean-Cap-Ferrat - ville più famose costa azzurra3

    Se ami l'architettura, devi assolutamente visitare la Villa Ephrussi de Rothschild , aperto ai visitatori. Organizzano anche molti fantastici eventi speciali, che includeremo nel nostro Calendario eventi.

    La villa fu costruita nel 1905 per ospitare la sempre crescente collezione d'arte di Beatrice Ephrussi de Rothschild. È diventato un centro per l'arte di tutti i tipi: feste letterarie, musica, raduni di collezionisti d'arte e conversazioni avvincenti. Questo era uno spazio in cui gli amanti della cultura potevano comunicare lontano dal frastuono delle zone meno modeste della Costa Azzurra.

    Saint-Jean-Cap-Ferrat Guida turistica - famosa villa riviera francese
    Saint-Jean-Cap-Ferrat Guida di viaggio - Villa ephrussi de rothschild Costa Azzurra

    Questa dimora è decorata con i tesori della baronessa Beatrice Ephrussi de Rothschild. Sono esposte più di 5000 opere d'arte, insieme a un'impressionante collezione di mobili, lampade e tappeti.

    La villa è famosa soprattutto per i suoi giardini francesi, giapponesi e tropicali, nonché per il festival delle rose e delle piante che si tiene ogni maggio. La baronessa è stata ispirata dai suoi viaggi per creare sette giardini progettati attorno a diversi temi. Spagnolo, fiorentino o giapponese… giardino delle Muse, giardino del Lapidario, roseto… vialetti impeccabili, palme e profumi rari circondano questo paradiso.

    Orari di apertura: Aperto 365 giorni all'anno dalle 10:00 alle 18:00 tranne:
    – A luglio e agosto dalle 10:00 alle 19:00
    – Da novembre a gennaio: dal lunedì al venerdì dalle 14:00 alle 18:00 / fine settimana, giorni festivi e vacanze scolastiche dalle 10:00 alle 18:00. Ultimo ingresso 1/2 ora prima della chiusura.

    La libreria-boutiqueè aperto durante l'orario della Villa.

    La sala da tèè aperto solo nei fine settimana da novembre a gennaio.

    Il ristorante fa parte della visita alla villa. È necessario acquistare il biglietto d'ingresso dalle hostess.

    Parcheggio è disponibile in loco.

    Sito ufficiale

    Il contenuto è legalmente protetto.

    Hai un consiglio? Invia un'e-mail a [email protected]

    RicercaArchivio
    X
    ar العربيةzh-CN 简体中文nl Nederlandsen Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêsru Русскийes Español