Tasti di scelta rapida

    La nascita della 'Costa Azzurra'

    La città balneare altamente instagrammabile di Menton potrebbe anche essere meno conosciuto dei suoi vicini della Riviera, ma – insieme a Nice – è stato determinante nel rendere la Costa Azzurra forse il luogo di vacanza invernale più antico del mondo. Jean Cocteau dipinse i suoi famosi affreschi d'amore qui, e I nobili inglesi piantarono giardini esotici intorno ville all'italiana ombreggiate da palme.

    Tribù e Romani

    Tracce di occupazione risalgono a circa 3000 anni fa, ma fino alla fine del XVIII secolo, l'area poi conosciuta come la Costa Azzurra era una regione remota e povera, nota soprattutto per la pesca, gli uliveti e i fiori usati nei profumi. I tribali ora chiamati “Liguri” furono i primi abitanti conosciuti della Costa Azzurra in tempi storici.

    Non si sa molto di questi aborigeni, solo che costruirono villaggi fortificati, in particolare sul sito della moderna Nice. Alcuni secoli dopo, i greci furono sovraffollati Focea spostato, prima in Massilia (Marsiglia), quindi verso l'esterno a Hyères e Nice, come tendevano a fare ovunque ci fosse una possibilità di industria o commercio.

    I Greci portarono la vite (informando premurosamente i primi abitanti cosa si poteva estrarre dal ceppo selvatico autoctono della zona) così come le olive e altri prodotti della loro civiltà avanzata. I Celti, che allo stesso tempo stavano mettendo radici a sud fino alla Riviera, preferivano le zone collinari più selvagge a partire dalla costa e le razzie piuttosto che il commercio.

    Gli abitanti del territorio lungo questa fascia costiera erano abituati ad operare indipendentemente dal controllo “centrale”. L'occupazione forzata dei Romani – ricordata da il trofeo a La Turbie— era un'eccezione importante, ma anche allora il numero degli occupanti era piccolo e avevano un compito specifico, difendere l'accesso romano e le rotte commerciali, con poca preoccupazione per gli abitanti locali.

    Dopo la ritirata romana, e prima del XVIII secolo, le sacche di terra abitata erano minuscole rispetto alle ampie distese di colline rocciose e cespugliose e agli estuari dei fiumi paludosi. Le comunità erano isolate. Le zanzare facevano impazzire tutti e spostarsi era pericoloso e lento (poco è cambiato).

    Soprattutto era un luogo squallido, povero e incolto, fatiscente e trascurato dal mondo esterno. Aspettava di essere “salvata”. Divisa tra la sfera d'influenza francese e quella "italiana", non era una società coerente nemmeno all'interno dei suoi contenziosi confini. Poi arrivarono gli inglesi per trasformare la zona e creare la "Costa Azzurra" come la conosciamo noi...

    Come gli inglesi hanno trasformato la Costa Azzurra

    Nel XVIII secolo, tra l'aristocrazia inglese si sviluppò il gusto per i viaggi, soprattutto per trascorrere l'inverno in Costa Azzurra. Visto come un giardino dell'Eden, il sud della Francia era anche la "rotta" naturale verso l'Italia e la sua cultura, che era un luogo alla moda da vivere, tra le élite.

    La nascita della 'Costa Azzurra' - storia di menton france3

    Questa migrazione stagionale delle classi superiori inglesi fu rapidamente copiata da altre élite europee, tutte alla ricerca di un inverno mite. All'inizio del XIX secolo emerse l'argomento della salute: le persone si recavano in queste località invernali come trattamento medico.

    Il XVIII secolo ha creato la stazione invernale e il XIX secolo l'ha sigillata.

    Il primo viaggiatore britannico a descrivere i benefici per la salute della zona è stato il romanziere Tobia Smollett, che visitò Nice nel 1763 quando era ancora una città italiana all'interno Regno di Sardegna. Portò Nice e il suo caldo clima invernale all'attenzione dell'aristocrazia britannica con 'Viaggia attraverso la Francia e l'Italia (in particolare Nice)', scritto nel 1766. È un diario di viaggio sotto forma di lettere molto divertente, in cui si innamora di Nice, prevede i meriti di Cannes (allora un piccolo villaggio) come stazione climatica , e immaginato le possibilità del Strade della Corniche. Subito dopo la sua pubblicazione, i malaticci inglesi iniziarono a viaggiare in Costa Azzurra, affermandola così come la prima località di villeggiatura invernale al mondo.

    Quasi immediatamente, dottore scozzese Giovanni Marrone raccolse questa idea e divenne famoso per aver prescritto quella che chiamò "climatoterapia": un cambiamento del clima, per curare una varietà di malattie. Nel 1780 pubblicò il suo 'Elementi di medicina', che per un certo periodo è stato un testo influente. Esponeva le sue teorie, spesso chiamate il "sistema di medicina brunoniano", che essenzialmente comprendeva tutte le malattie come una questione di sovra o sottostimolazione. Il controverso e semplicistico cosiddetto 'Teoria Brunoniana' dettato che tutte le malattie rientrano in una delle due categorie: quelle causate dall'assenza di stimoli e quelle causate da troppo stimolo. Lui ei suoi contemporanei ritenevano che il clima mediterraneo offrisse una notevole varietà di ambienti tonici e sedativi.

    La nascita della 'Costa Azzurra' - storia di menton france4

    Mantenere lo slancio, dottore britannico John Bunnell Davis scrisse il suo libro del 1807, 'La storia antica e moderna di Nice'. È diventata un'altra voce che ha sostenuto l'effetto curativo della Costa Azzurra sulle malattie. Ha scritto, “Chi può dubitare per un momento, ma che la salute è più probabile che ritorni quando il percorso verso la sua acquisizione è cosparso di fiori; quando il penoso fardello che opprime l'anima è alleviato da piacevoli occupazioni, e quando l'ansia è sostituita dalla pazienza e dalla rassegnazione?

    Questa teoria dominò il pensiero medico europeo per circa un secolo, fino alla fine del 1800, e l'intera costa mediterranea divenne una sorta di stazione climatica invernale per chi soffriva di ogni tipo di malattia (in particolare la tubercolosi, che uccideva uno su sei in Inghilterra). Dopo la sconfitta di Napoleone nel 1815 e la pace nel continente, gli inglesi iniziarono ad affluire a Nice soprattutto per motivi di salute e sempre in inverno.

    François-Joseph-Victor Broussais, un famoso medico francese, divenne molto popolare all'inizio degli anni venti dell'Ottocento; la sua teoria medicinale era basata sulla teoria bruniana. Lo storico francese Paul Gonnet ha notato che i medici hanno inviato “sulle nostre coste una colonia di pallide e svogliate donne inglesi e svogliati figli della nobiltà prossimi alla morte”.

    La nascita della 'Costa Azzurra' - storia di menton france5

    La popolarità della riviera francese esplose ulteriormente quando il medico britannico James Henry Bennet ha iniziato a promuovere il clima di Mentone come un toccasana per la salute. Bennet aveva studiato medicina a Parigi e, dopo aver lavorato come medico per 25 anni, contrasse quello che autodiagnosticò come tubercolosi (questo era prima che sapessero che la causa erano i batteri). Nel 1859 affermò di essersi recato a Mentone per “…morire in un angolo tranquillo, come un abitante ferito della foresta” (ma è più probabile che conoscesse la teoria brunoniana e andasse a curarsi). Ma invece la sua salute migliorò notevolmente e visitò l'Italia l'anno successivo, ma trovò "lo stato antigienico dei grandi centri di quella terra classica annullava il bene precedentemente ottenuto". Non impressionato dall'Italia, tornò a Mentone e iniziò uno studio medico.

    Quando fu completamente guarito tornò in Inghilterra per far conoscere Mentone ai suoi pazienti. La voce si è sparsa velocemente, compresi i pazienti illustri di Bennet Roberto Luigi Stevenson e Regina Vittoria. Da allora trascorse ogni inverno a Mentone.

    Il suo libro del 1861 'Inverno e primavera sulle rive del Mediterraneo' aumentò rapidamente la popolarità di Mentone (allora chiamata 'Mentone') come destinazione. Bennet riteneva che il clima caldo e secco della Costa Azzurra e una dieta adeguata curassero i malati di tubercolosi. Successivamente è stato tradotto in altre lingue e pubblicato in altri paesi, portando a Mentone tutti, dai tedeschi agli americani. Altri medici si unirono presto al coro.

    Mentre Lord Brougham aveva recentemente messo Cannes sulla mappa per membri accuratamente selezionati dell'alta società londinese, i lettori del libro di Bennet erano molto diffusi e crearono un enorme afflusso di turismo. Molti aristocratici, per lo più con vari disturbi di salute, accorrevano in Costa Azzurra con la speranza di essere curati. Senza dubbio, più di una vittima della "consunzione" aveva l'asma piuttosto che la tubercolosi, e allontanarsi dalle città britanniche fredde, umide e molto smogizzate sarebbe stata tutta la "cura" di cui avevano bisogno.

    La nascita della 'Costa Azzurra' - menton france history guide
    Mentone conserva oggi lo stesso fascino

    Nel 1882, Regina Vittoria ha seguito il consiglio di Bennet ed è venuto per una lunga vacanza, aprendo le porte ai reali e all'alta società da seguire. Successivamente ha visitato otto volte e ha raccontato ai suoi amici quanto amasse la zona.

    Su suggerimento della regina, Winston Churchill scelse di dipingere i suoi paesaggi e molti famosi scrittori di viaggi del XIX secolo (come Robert Louis Stevenson, Somerset Maugham, Scott Fitzgerald, Ernest Hemingway, HG Wells, Edith Wharton, Louisa May Alcott e Aldous Huxley) iniziarono a scriverne.

    Furono costruite ferrovie, grandiose ville sostituirono le fattorie in pietra e carrozze ornate che trasportavano duchi e principi iniziarono ad apparire lungo le alte strade costiere sopra il mare scintillante. Poco dopo, la Costa Azzurra divenne famosa negli Stati Uniti come luogo di vacanza di lusso e glamour per celebrità e jet-set.

    Nel corso del XX secolo, gli americani hanno ulteriormente trasformato la Costa Azzurra, con molti dei più famosi autori e star del cinema americani che hanno trascorso del tempo o si sono trasferiti qui. Superstar Grace Kelly sposò il Principe di Monaco, Rita Hayworth conobbe e sposò un principe qui, Sean Connery ha acquistato una villa a Nice e scene girate di "Never Say Never" nel centro storico di Mentone, e gli americani ricchi o famosi hanno trascorso le vacanze qui.

    Senza l'influenza di ricchi inglesi e americani, la Costa Azzurra non sarebbe quella che è oggi.

    I francesi hanno finalmente scoperto l'area come luogo di vacanza ben dopo gli anglofoni, e alla fine hanno iniziato a costruire piccole case per le vacanze e condomini su e giù per la costa. Ora, la Costa Azzurra è un affollato mix di turisti, espatriati di lingua inglese e francesi.

    Il contenuto è legalmente protetto.

    Hai un consiglio? Invia un'e-mail a [email protected]

    RicercaArchivio
    X
    ar العربيةzh-CN 简体中文nl Nederlandsen Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêsru Русскийes Español